Il progetto scientifico Archivio Salani: illustrazione libraria tra Otto e Novecento nasce dalla collaborazione tra la Adriano Salani Editore (Gruppo Editoriale Mauri Spagnol) e la Scuola Normale Superiore di Pisa Migliaia di libri, autori e generi letterari del gruppo editoriale Mauri Spagnol di cui la nostra casa editrice fa parte
seguici su: Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube
Giovanna d'Arco, l'umanità di una donna straordinariamente moderna Giovanna d'Arco, l'umanità di una donna straordinariamente moderna

Giovanna d'Arco, l'umanità di una donna straordinariamente moderna

Questo libro? Un debito che pago ai miei maestri dell'Università

Buongiorno Teresadi Teresa Buongiorno

Perché ho scritto questo libro? Questo è un debito che pago ai miei maestri dell'università: mi hanno affidato una tesi sul personaggio di Giovanna d'Arco e poi nella vita sono sempre inciampata su Giovanna d'Arco dovunque andassi. Ho iniziato a studiarla, con la prospettiva del romanziere, e ho scoperto che è stato un personaggio molto "imbalsamato". Ormai tutti i personaggi storici sono fissati in una specie di immaginetta stereotipata, quindi ho trovato molto divertente riscoprire l'umanità dell'eroina di Francia.
Giovanna d'Arco arriva alla fine della Guerra dei cent'anni, una vicenda di lotte dinastiche tra Francia e Inghilterra ma in realtà tra due casate che si contendevano il potere. E' stato complicato rappresentare gli interessi, l'economia, i vari aspetti della vita dell'epoca, ma la cosa fondamentale era capire l'immaginario: per fronteggiare gli inglesi, che avevano i soldi, il re di Francia, all'inizio della Guerra dei cent'anni, pensò che poteva investire sull'immaginario. Riscoprì delle vecchie leggende francesi e imbastì delle campagne mediatiche pazzesche! Un elemento, questo, che trovo molto interessante.
Giovanna d'Arco è ricordata come l'eroina di Francia, bruciata dalla Chiesa perché eretica e poi riabilitata e fatta santa, quindi sembra un'immagine stereotipata. In realtà, era una ragazza determinata, che voleva pensare con la sua testa, che rivendicava per il suo paese il diritto alla libertà territoriale e si è impegnata per essere fedele a se stessa, a quello che la sua coscienza le dettava. Diceva: 'la Chiesa mi può insegnare la religione, ma io di fronte a Dio devo rispondere alla mia coscienza'. Questo è un motivo per cui credo che, nonostante tutte le leggende, sia giusto rifarsi a Giovanna d'Arco, che è un personaggio straordinariamente moderno, tra i primi, peraltro, a rivendicare il legame tra il territorio e la politica.

Scrivi un commento