Il progetto scientifico Archivio Salani: illustrazione libraria tra Otto e Novecento nasce dalla collaborazione tra la Adriano Salani Editore (Gruppo Editoriale Mauri Spagnol) e la Scuola Normale Superiore di Pisa Migliaia di libri, autori e generi letterari del gruppo editoriale Mauri Spagnol di cui la nostra casa editrice fa parte
seguici su: Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube
L'età sottile

L'età sottile

Francesco Dimitri ci parla del suo nuovo libro L'età sottile, ora in tutte le librerie. Post n°3: Gli adolescenti

Dimitri Francescodi Francesco Dimitri

L'adolescenza fa schifo.  

Ricordare quegli anni con nostalgia vuol dire o non ricordarli sul serio, oppure aver fatto da lì in poi una vita parecchio, ma parecchio, sfigata. C'è gente, è vero, che raggiunge l'apice del successo attorno ai diciotto anni - i bulli e le pupe della scuola, i belli della spiaggia e le dive del quartiere. Ma non scherziamo, è gente figa a quindici anni, ridicola a trenta, penosa a cinquanta.

Per gli altri, per tutti noi, che viviamo in tre o anche più dimensioni, dopo l'adolescenza si può solo risalire. A quell'età sei in balìa degli eventi, dei tuoi genitori, dei tuoi professori, della tua città, di tutto. C'è gente che pretende di controllare come studi, cosa mangi, se e quanto e con chi fai sesso. Sei troppo giovane per avere potere, e abbastanza vecchio da capire che non ce l'hai.

Poi cresci, e sei fortunato, se ti impegni, se incontri le persone giuste, se cresci bene, insomma, ti rendi conto di una cosa: l'adolescenza finisce presto. E per brutta che sia, per nera e orrida e insopportabile, qualche rimpianto lo lascia sempre.

Perchè?

Perchè un adolescente può tutto. Man mano che cresci sei chiamato a fare scelte, e per ogni cosa che scegli, devi rinunciare a cento altre. Se vuoi fare lo scrittore non potrai fare l'astronauta; se vuoi fare il pornodivo, la via del sacerdozio è, per il momento, sbarrata.

La vita è fatta di scelte, ed è questo a renderla magnifica. Ma un adolescente può permettersi di rimandare quelle scelte, ancora un po'. Può permettersi di vivere in un mondo in cui domani accadrà di tutto, ma oggi, per fortuna, ancora no. Bellissimo.

Ma c'è la fregatura. Che è: queste sono balle. Mentre vivi, mentre i mesi passano, poco a poco quello stato di cose finisce. Poco a poco le scelte si presentano, e se non le fai sono dolori, perchè sarà il resto del mondo a farle per te. Già da adolescente fai le tue scelte, ti prendi le tue responsabilità, o affondi nel gioco di qualcun altro.

Da adolescente sei già un adulto, solo che tu, ancora, non lo vedi.

Essere adolescenti è un gran casino. Sei in un'età sottile, un passaggio che sembra non finire mai. Un passaggio che può portarti verso un domani meraviglioso.

O travolgerti.

Scrivi un commento