Il progetto scientifico Archivio Salani: illustrazione libraria tra Otto e Novecento nasce dalla collaborazione tra la Adriano Salani Editore (Gruppo Editoriale Mauri Spagnol) e la Scuola Normale Superiore di Pisa Migliaia di libri, autori e generi letterari del gruppo editoriale Mauri Spagnol di cui la nostra casa editrice fa parte
seguici su: Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube
Nel mondo incantato degli amici immaginari Nel mondo incantato degli amici immaginari

Nel mondo incantato degli amici immaginari

Le creature del mio libro sono grandi aiuti per i bambini

Gandolfi Silvanadi Silvana Gandolfi

Non ho mai avuto personalmente amici immaginari da piccola, però mi hanno sempre affascinato, allora spero che qualcuno di voi abbia avuto un amico immaginario, così capirà meglio cosa significa.
Oscar è un bambino di nove anni, intelligentissimo ma un po' imbranato. Si sente solo e all'improvviso ecco che trova la sua amica immaginaria, una sirenetta che si trova su uno scoglio nella caletta di Porto Pidocchio. Lui è un po' offeso che la sirenetta sia un'amica immaginaria, ma lei gli spiega che gli amici immaginari non sono affatto delle creature che non esistono, esistono eccome, anzi, anzi! Esistono ancora quando il bambino che li ha creati si stufa e li molla e loro vagano per il mondo molto tristi perché si sentono come dei cani randagi senza padrone. C'è un altro amico immaginario che abita nell'isola del Tempo Perso - che era un mio vecchio libro scritto parecchi anni fa - che si chiama Daniele. La sirenetta vuole contattare Daniele perché gli piace un po' tanto. Daniele non vuole saperne di tornare sulla terra perché pensa di svanire. Alla fine si convincerà, e poi metteranno insieme vari amici immaginari orfani di creatore, i famosi AIOC. Tra questi c'è, per esempio, l'amico immaginario di Salvador Dalì (che era un grande pittore) che cambia forma. Non so se avete in mente gli orologi di Salvador Dalì che si sciolgono: lui è un po' come questi orologi, si allarga, si allunga, si restringe, prende la forma di un salice piangente ed è molto tenero. Poi c'è la tigre ridente, una tigre che ride e piange nello stesso tempo. Poi c'è Aelita che è una specie di Alice nel Paese delle Meraviglie, ma è nera africana e via dicendo. Per alcuni di questi amici immaginari devo dire mi sono ispirata andando su Internet e cercando degli amici immaginari veri che sono stati amici immaginari di bambini. I genitori sono un po' preoccupati, dicono: ma poi passerà questa cosa? Senza sapere che gli amici immaginari sono dei grandi aiuti per i bambini.
In questo libro gli amici immaginari orfani del creatore, si riuniranno alla fine per una grande missione che adesso non vi racconto perché spero che la leggerete!

Scrivi un commento