Il progetto scientifico Archivio Salani: illustrazione libraria tra Otto e Novecento nasce dalla collaborazione tra la Adriano Salani Editore (Gruppo Editoriale Mauri Spagnol) e la Scuola Normale Superiore di Pisa Migliaia di libri, autori e generi letterari del gruppo editoriale Mauri Spagnol di cui la nostra casa editrice fa parte
seguici su: Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube
Harry Potter - La saga

Harry Potter e il calice di fuoco 
di Rowling J. K.


Harry Potter e il calice di fuoco

“Il volume centrale delle avventure di Harry Potter”

E' un momento cruciale nella vita di Harry Potter: ormai è un mago adolescente, vuole andarsene dalla casa dei pestiferi Dursley, vuole sognare la cercatrice del Corvonero per cui ha una cotta tremenda... E poi vuole scoprire quali sono i grandiosi avvenimenti che si terranno a Hogwarts e che riguarderanno altre due scuole di magia e una grande competizione che non si svolge da cento anni. Harry Potter vuole davvero essere un normale mago di quattordici anni. Ma sfortunatamente, Harry non è un mago normale. E stavolta la differenza può essergli fatale.
Età di lettura: da 8 anni.

E' un momento cruciale nella vita di Harry Potter: ormai è un mago adolescente, vuole andarsene dalla casa dei pestiferi Dursley, vuole sognare la cercatrice del Corvonero per cui ha una cotta tremenda... E poi vuole scoprire quali sono i grandiosi avvenimenti che si terranno a Hogwarts e che riguarderanno altre due scuole di magia e una grande competizione che non si svolge da cento anni. Harry Potter vuole davvero essere un normale mago di quattordici anni. Ma sfortunatamente, Harry non è un mago normale. E stavolta la differenza può essergli fatale.
Età di lettura: da 8 anni.

Harry Potter e il prigioniero di Azkaban 
di Rowling J. K.


Harry Potter e il prigioniero di Azkaban

“"Leggere i libri di Harry Potter ai propri figli è una delle esperienze più belle che un genitore possa fare, punto e basta." Sandro Veronesi”

Una terribile minaccia incombe sulla Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts. Sirius Black, il famigerato assassino, è evaso dalla prigione di Azkaban. È in caccia e la sua preda è proprio a Hogwarts, dove Harry e i suoi amici stanno per cominciare il loro terzo anno. Nonostante la sorveglianza dei Dissennatori la scuola non è più un luogo sicuro, perché al suo interno si nasconde un traditore...
Il terzo capitolo di uno dei più grandi fenomeni dell'editoria internazionale, nella nuova edizione a cura di Stefano Bartezzaghi.

Una terribile minaccia incombe sulla Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts. Sirius Black, il famigerato assassino, è evaso dalla prigione di Azkaban. È in caccia e la sua preda è proprio a Hogwarts, dove Harry e i suoi amici stanno per cominciare il loro terzo anno. Nonostante la sorveglianza dei Dissennatori la scuola non è più un luogo sicuro, perché al suo interno si nasconde un traditore...
Il terzo capitolo di uno dei più grandi fenomeni dell'editoria internazionale, nella nuova edizione a cura di Stefano Bartezzaghi.

Harry Potter e la camera dei segreti 
di Rowling J. K.


Harry Potter e la camera dei segreti

“Il secondo capitolo di uno dei più grandi fenomeni dell'editoria internazionale, per la prima volta in tascabile”

Harry Potter è ormai celebre: durante il primo anno alla Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts ha sconfitto il terribile Voldemort, vendicando la morte dei suoi genitori e coprendosi di gloria. Ma una spaventosa minaccia incombe sulla scuola: un incantesimo che colpisce i compagni di Harry uno dopo l'altro, e che sembra legato a un antico mistero racchiuso nella tenebrosa Camera dei Segreti.
Nel secondo libro delle avventure di Harry Potter, J.K. Rowling supera se stessa, arricchendo il suo universo fantastico di personaggi indimenticabili e di trovate esilaranti. Harry e i suoi amici sfidano oscure magie e terribili mostri, parlano con i gufi e viaggiano in automobili volanti, in un percorso magico dal ritmo incalzante e dalla sequenza infinita, come da scatola cinesi. E su tutto emerge il gusto per il romanzo d'avventura, ciclico e perfetto, in cui l'elemento soprannaturale si trasforma in quotidiano, emoziona il lettore e lo coinvolge.

Harry Potter è ormai celebre: durante il primo anno alla Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts ha sconfitto il terribile Voldemort, vendicando la morte dei suoi genitori e coprendosi di gloria. Ma una spaventosa minaccia incombe sulla scuola: un incantesimo che colpisce i compagni di Harry uno dopo l'altro, e che sembra legato a un antico mistero racchiuso nella tenebrosa Camera dei Segreti.
Nel secondo libro delle avventure di Harry Potter, J.K. Rowling supera se stessa, arricchendo il suo universo fantastico di personaggi indimenticabili e di trovate esilaranti. Harry e i suoi amici sfidano oscure magie e terribili mostri, parlano con i gufi e viaggiano in automobili volanti, in un percorso magico dal ritmo incalzante e dalla sequenza infinita, come da scatola cinesi. E su tutto emerge il gusto per il romanzo d'avventura, ciclico e perfetto, in cui l'elemento soprannaturale si trasforma in quotidiano, emoziona il lettore e lo coinvolge.

Harry Potter e la pietra filosofale 
di Rowling J. K.


Harry Potter e la pietra filosofale

“Il più grande fenomeno editoriale di tutti i tempi: Harry Potter”

Tutto comincia da qui. Il primo capitolo di uno dei più grandi fenomeni dell'editoria internazionale, il libro che ha fatto leggere milioni di ragazzi e ha unito genitori e figli nella scoperta di un universo fantastico che è già parte dell'immaginario collettivo.

Una nuova copertina voluta dalla stessa J.K. rowling, un'approfondita azione filologica per il grande classico dei nostri tempi: un comitato scientifico per una nuova traduzione riveduta e corretta, a cura di Stefano Bartezzaghi.
Harry Potter è un predestinato: ha una cicatrice a forma di saetta sulla fronte e provoca strani fenomeni, come quello di farsi ricrescere in una notte i capelli inesorabilmente tagliati dai perfidi zii. Ma solo in occasione del suo undicesimo compleanno gli si rivelano la sua natura e il suo destino, e il mondo misterioso cui di diritto appartiene. Nello scatenato universo fantastico della Rowling, popolato da gufi portalettere, scope volanti, caramelle al gusto di cavolini di Bruxelles, ritratti che scappano, la magia si presenta come la vera vita, e strega anche il lettore allontanandolo dal nostro mondo che gli appare ora monotono e privo di sorprese.
Il risveglio dalla lettura lo lascerà pieno di nostalgia, ma ancora illuminato dai riflessi di questo lussureggiante fuoco d'artificio.

«J.K. Rowling è una scrittrice vera, dotata di un'immaginazione strabiliante, del respiro e della cultura dei grandi romanzieri. La saga del maghetto è disseminata di richiami a Shakespeare e Kafka, Dickens e Milton, senza la pesantezza e l'arroganza del citazionismo.»
Curzio Maltese, la Repubblica

Tutto comincia da qui. Il primo capitolo di uno dei più grandi fenomeni dell'editoria internazionale, il libro che ha fatto leggere milioni di ragazzi e ha unito genitori e figli nella scoperta di un universo fantastico che è già parte dell'immaginario collettivo.
Una nuova copertina voluta dalla stessa J.K. rowling, un'approfondita azione filologica per il grande classico dei nostri tempi: un comitato scientifico per una nuova traduzione riveduta e corretta, a cura di Stefano Bartezzaghi.
Harry Potter è un predestinato: ha una cicatrice a forma di saetta sulla fronte e provoca strani fenomeni, come quello di farsi ricrescere in una notte i capelli inesorabilmente tagliati dai perfidi zii. Ma solo in occasione del suo undicesimo compleanno gli si rivelano la sua natura e il suo destino, e il mondo misterioso cui di diritto appartiene. Nello scatenato universo fantastico della Rowling, popolato da gufi portalettere, scope volanti, caramelle al gusto di cavolini di Bruxelles, ritratti che scappano, la magia si presenta come la vera vita, e strega anche il lettore allontanandolo dal nostro mondo che gli appare ora monotono e privo di sorprese.
Il risveglio dalla lettura lo lascerà pieno di nostalgia, ma ancora illuminato dai riflessi di questo lussureggiante fuoco d'artificio.

«J.K. Rowling è una scrittrice vera, dotata di un'immaginazione strabiliante, del respiro e della cultura dei grandi romanzieri. La saga del maghetto è disseminata di richiami a Shakespeare e Kafka, Dickens e Milton, senza la pesantezza e l'arroganza del citazionismo.»
Curzio Maltese, la Repubblica

Gli animali fantastici: dove trovarli 
di Rowling J. K.


Gli animali fantastici: dove trovarli

“Non c'è casa di maghi in tutto il paese dove non troneggi una copia di "Gli ...”

Non c'è casa di maghi in tutto il paese dove non troneggi una copia di "Gli animali fantastici: dove trovarli". Ora, solo per breve periodo, anche i Babbani avranno la possibilità di scoprire dove vivono i Quintaped, cosa mangiano i Puffskein e perché è cosa saggia non lasciare latte in giro per i Knarl. Età di lettura: da 6 anni.

Non c'è casa di maghi in tutto il paese dove non troneggi una copia di "Gli animali fantastici: dove trovarli". Ora, solo per breve periodo, anche i Babbani avranno la possibilità di scoprire dove vivono i Quintaped, cosa mangiano i Puffskein e perché è cosa saggia non lasciare latte in giro per i Knarl. Età di lettura: da 6 anni.

Il Quidditch attraverso i secoli 
di Whisp Kennilworthy


Il Quidditch attraverso i secoli

“Se vi siete mai domandati l'origine del Boccino d'Oro, da dove siano spuntati i ...”

Se vi siete mai domandati l'origine del Boccino d'Oro, da dove siano spuntati i Bolidi e perché i Wigtown Wanderers abbiano l'immagine di una mannaia d'argento sulla divisa, allora "Il Quidditch attraverso i secoli" è il libro che fa per voi. Questa edizione limitata è una copia del volume custodito nella Biblioteca di Hogwarts e consultato quasi quotidianamente dai giovani tifosi del Quidditch. J.K. Rowling, la creatrice della saga di Harry Potter, ha pubblicato questo libro sotto lo pseudonimo di Kennilworthy Whisp e i proventi della vendita saranno devoluti a favore di Comic Relief, per i bambini poveri del mondo. Età di lettura: da 8 anni.

Se vi siete mai domandati l'origine del Boccino d'Oro, da dove siano spuntati i Bolidi e perché i Wigtown Wanderers abbiano l'immagine di una mannaia d'argento sulla divisa, allora "Il Quidditch attraverso i secoli" è il libro che fa per voi. Questa edizione limitata è una copia del volume custodito nella Biblioteca di Hogwarts e consultato quasi quotidianamente dai giovani tifosi del Quidditch. J.K. Rowling, la creatrice della saga di Harry Potter, ha pubblicato questo libro sotto lo pseudonimo di Kennilworthy Whisp e i proventi della vendita saranno devoluti a favore di Comic Relief, per i bambini poveri del mondo. Età di lettura: da 8 anni.

Le fiabe di Beda il Bardo 
di Rowling J. K.


Le fiabe di Beda il Bardo

“Il nuovo libro di J.K. Rowling, in contemporanea mondiale”

"Le Fiabe di Beda il Bardo sono una raccolta di storie scritte per giovani maghi e streghe.
Sono state popolari favole serali per secoli, perciò Il Pentolone Salterino e la Fonte della Buona Sorte sono altrettanto familiari a molti studenti di Hogwarts quanto Cenerentola e la Bella Addormentata nel Bosco lo sono ai bambini Babbani (non magici)… Siamo oggi lieti di pubblicare in questa sede i comhttp://storyemac.illibraio.dol.it/documenti/documenti.asp?az=e&step=3menti del Professor Silente, insieme a una nuova traduzione del testo di Beda a cura di Hermione Granger. Confidiamo che le intuizioni del Professor Silente, che includono osservazioni sulla storia della magia, ricordi personali e informazioni illuminanti sugli elementi chiave di ogni fiaba, faranno apprezzare a una nuova generazione di maghi e di Babbani Le Fiabe di Beda il Bardo. Chiunque abbia avuto la fortuna di conoscere il Professor Silente non può non credere che sarebbe stato felice di contribuire a questo progetto, dato che i diritti d'autore saranno donati al Children's High Level Group, che opera per aiutare i bambini in disperato bisogno di essere ascoltati".
J.K. Rowling

"Le Fiabe di Beda il Bardo sono una raccolta di storie scritte per giovani maghi e streghe.
Sono state popolari favole serali per secoli, perciò Il Pentolone Salterino e la Fonte della Buona Sorte sono altrettanto familiari a molti studenti di Hogwarts quanto Cenerentola e la Bella Addormentata nel Bosco lo sono ai bambini Babbani (non magici)… Siamo oggi lieti di pubblicare in questa sede i comhttp://storyemac.illibraio.dol.it/documenti/documenti.asp?az=e&step=3menti del Professor Silente, insieme a una nuova traduzione del testo di Beda a cura di Hermione Granger. Confidiamo che le intuizioni del Professor Silente, che includono osservazioni sulla storia della magia, ricordi personali e informazioni illuminanti sugli elementi chiave di ogni fiaba, faranno apprezzare a una nuova generazione di maghi e di Babbani Le Fiabe di Beda il Bardo. Chiunque abbia avuto la fortuna di conoscere il Professor Silente non può non credere che sarebbe stato felice di contribuire a questo progetto, dato che i diritti d'autore saranno donati al Children's High Level Group, che opera per aiutare i bambini in disperato bisogno di essere ascoltati".
J.K. Rowling

Harry Potter e i doni della morte 
di Rowling J. K.


Harry Potter e i doni della morte

“Mi apro alla chiusura: è uno dei tanti enigmi lasciati da Silente con cui ...”

Mi apro alla chiusura: è uno dei tanti enigmi lasciati da Silente con cui Harry Potter deve confrontarsi in questo ultimo, settimo libro. E la saga stessa, giunta alla sua conclusione, si apre a sorpresa su nuovi mondi, nel passato e nel futuro: getta la luce della meraviglia su dettagli, personaggi ed eventi che sembravano già noti, rivelandone segreti e significati profondi. Insieme a Harry, nella sua disperata ricerca della verità, un caleidoscopio di avventure apparentemente già vissute, piccoli fatti e grandi eventi, seguendo il filo della consapevolezza che si dipana e si acuisce in un crescendo di emozioni, colpi di scena, perdite e conquiste. La conclusione, piena di luce e vapore, sembra indurre a rileggere tutto dall'inizio, per arrivare a chiudere il cerchio. Mai gli interrogativi sono stati così tanti; mai come in questo ultimo volume si ha la piena soddisfazione di una risposta che vada oltre l'apparenza; mai come in questo episodio l'autrice dimostra la sua capacità di sorprendere i lettori, di alimentare un fuoco d'artificio che non cessa di ammaliare il lettore. Età di lettura: da 8 anni.

Mi apro alla chiusura: è uno dei tanti enigmi lasciati da Silente con cui Harry Potter deve confrontarsi in questo ultimo, settimo libro. E la saga stessa, giunta alla sua conclusione, si apre a sorpresa su nuovi mondi, nel passato e nel futuro: getta la luce della meraviglia su dettagli, personaggi ed eventi che sembravano già noti, rivelandone segreti e significati profondi. Insieme a Harry, nella sua disperata ricerca della verità, un caleidoscopio di avventure apparentemente già vissute, piccoli fatti e grandi eventi, seguendo il filo della consapevolezza che si dipana e si acuisce in un crescendo di emozioni, colpi di scena, perdite e conquiste. La conclusione, piena di luce e vapore, sembra indurre a rileggere tutto dall'inizio, per arrivare a chiudere il cerchio. Mai gli interrogativi sono stati così tanti; mai come in questo ultimo volume si ha la piena soddisfazione di una risposta che vada oltre l'apparenza; mai come in questo episodio l'autrice dimostra la sua capacità di sorprendere i lettori, di alimentare un fuoco d'artificio che non cessa di ammaliare il lettore. Età di lettura: da 8 anni.

Harry Potter e il Principe Mezzosangue 
di Rowling J. K.


Harry Potter e il Principe Mezzosangue

“Sesto appuntamento con la saga che ha appassionato bambini, ragazzi e lettori ...”

Sesto appuntamento con la saga che ha appassionato bambini, ragazzi e lettori di tutte le età. Harry Potter è solo, sconvolto e preoccupato. Il suo amato padrino Sirius Black è morto, e le parole di Albus Silente sulla profezia gli confermano che lo scontro con Lord Voldemort è ormai inevitabile. Niente è più come prima: l'ultimo legame con la sua famiglia è troncato, perfino Hogwarts non è più la dimora accogliente dei primi anni, mentre Voldemort è più forte, crudele e disumano che mai. Harry stesso sa di essere cambiato. La frustrazione e il senso di impotenza dei quindici anni hanno ceduto il posto a una fermezza e a una determinazione diverse, più adulte. Ma quali sconvolgenti imprese lo attenderanno quest'anno? Età di lettura: da 8 anni.

Sesto appuntamento con la saga che ha appassionato bambini, ragazzi e lettori di tutte le età. Harry Potter è solo, sconvolto e preoccupato. Il suo amato padrino Sirius Black è morto, e le parole di Albus Silente sulla profezia gli confermano che lo scontro con Lord Voldemort è ormai inevitabile. Niente è più come prima: l'ultimo legame con la sua famiglia è troncato, perfino Hogwarts non è più la dimora accogliente dei primi anni, mentre Voldemort è più forte, crudele e disumano che mai. Harry stesso sa di essere cambiato. La frustrazione e il senso di impotenza dei quindici anni hanno ceduto il posto a una fermezza e a una determinazione diverse, più adulte. Ma quali sconvolgenti imprese lo attenderanno quest'anno? Età di lettura: da 8 anni.

Harry Potter e l'Ordine della Fenice 
di Rowling J. K.


Harry Potter e l'Ordine della Fenice

“Quindicenne alle prese con improvvisi scoppi d'ira, la voglia di cambiare il ...”

Quindicenne alle prese con improvvisi scoppi d'ira, la voglia di cambiare il mondo e le prime, cocenti, passioni amorose, Harry Potter sta per tornare alla Scuola di Alta Stregoneria di Hogwarts, dove frequenterà il quinto anno. Già infastidito dalle noie adolescenziali, il ragazzino è reduce da una noiosa estate con gli spregevoli Dursley e non vede l'ora di tornare alla movimentata vita degli apprendisti maghi. E, di certo, le avventure non mancheranno... Tessendo un'altra stupefacente trama, Joanne K. Rowling, questa volta dà voce alle inquietudini dell'adolescenza, mettendo in guardia contro la stupidità del potere e di chi lo usa per combattere il talento, il coraggio, la fantasia e la diversità. Età di lettura: da 8 anni.

Quindicenne alle prese con improvvisi scoppi d'ira, la voglia di cambiare il mondo e le prime, cocenti, passioni amorose, Harry Potter sta per tornare alla Scuola di Alta Stregoneria di Hogwarts, dove frequenterà il quinto anno. Già infastidito dalle noie adolescenziali, il ragazzino è reduce da una noiosa estate con gli spregevoli Dursley e non vede l'ora di tornare alla movimentata vita degli apprendisti maghi. E, di certo, le avventure non mancheranno... Tessendo un'altra stupefacente trama, Joanne K. Rowling, questa volta dà voce alle inquietudini dell'adolescenza, mettendo in guardia contro la stupidità del potere e di chi lo usa per combattere il talento, il coraggio, la fantasia e la diversità. Età di lettura: da 8 anni.

Harry Potter e il calice di fuoco 
di Rowling J. K.


Harry Potter e il calice di fuoco

“E' un momento cruciale nella vita di Harry Potter: ormai è un mago adolescente, ...”

E' un momento cruciale nella vita di Harry Potter: ormai è un mago adolescente, vuole andarsene dalla casa dei pestiferi Dursley, vuole sognare la cercatrice del Corvonero per cui ha una cotta tremenda... E poi vuole scoprire quali sono i grandiosi avvenimenti che si terranno a Hogwarts e che riguarderanno altre due scuole di magia e una grande competizione che non si svolge da cento anni. Harry Potter vuole davvero essere un normale mago di quattordici anni. Ma sfortunatamente, Harry non è un mago normale. E stavolta la differenza può essergli fatale. Età di lettura: da 8 anni.

E' un momento cruciale nella vita di Harry Potter: ormai è un mago adolescente, vuole andarsene dalla casa dei pestiferi Dursley, vuole sognare la cercatrice del Corvonero per cui ha una cotta tremenda... E poi vuole scoprire quali sono i grandiosi avvenimenti che si terranno a Hogwarts e che riguarderanno altre due scuole di magia e una grande competizione che non si svolge da cento anni. Harry Potter vuole davvero essere un normale mago di quattordici anni. Ma sfortunatamente, Harry non è un mago normale. E stavolta la differenza può essergli fatale. Età di lettura: da 8 anni.

Harry Potter e il prigioniero di Azkaban 
di Rowling J. K.


Harry Potter e il prigioniero di Azkaban

“Tra colpi di scena, mappe stregate e ippogrifi scontrosi, zie volanti e libri ...”

Tra colpi di scena, mappe stregate e ippogrifi scontrosi, zie volanti e libri che mordono, Harry Potter conduce il lettore nel terzo capitolo delle sue avventure. Harry, giovane studente della prestigiosa Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts, è questa volta alle prese con un famigerato assassino che, evaso dalla terribile prigione di Azkaban, gli sta dando la caccia per ucciderlo. Forse questa volta nemmeno la Scuola di Magia, nemmeno gli amici più cari potranno aiutarlo, almeno fino a quando si nasconderà tra di loro un traditore... Età di lettura: da 8 anni.

Tra colpi di scena, mappe stregate e ippogrifi scontrosi, zie volanti e libri che mordono, Harry Potter conduce il lettore nel terzo capitolo delle sue avventure. Harry, giovane studente della prestigiosa Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts, è questa volta alle prese con un famigerato assassino che, evaso dalla terribile prigione di Azkaban, gli sta dando la caccia per ucciderlo. Forse questa volta nemmeno la Scuola di Magia, nemmeno gli amici più cari potranno aiutarlo, almeno fino a quando si nasconderà tra di loro un traditore... Età di lettura: da 8 anni.

Harry Potter e la camera dei segreti 
di Rowling J. K.


Harry Potter e la camera dei segreti

“Harry Potter è ormai celebre: durante il primo anno alla Scuola di Magia e ...”

Harry Potter è ormai celebre: durante il primo anno alla Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts ha sconfitto il terribile Voldemort, vendicando la morte dei suoi genitori e coprendosi di gloria. Ma una spaventosa minaccia incombe sulla scuola: un incantesimo che colpisce i compagni di Harry uno dopo l'altro, e che sembra legato a un antico mistero racchiuso nella tenebrosa Camera dei Segreti. Harry e i suoi amici sfideranno oscure magie e terribili mostri, parleranno con i gufi e viaggeranno in automobili volanti, in un percorso magico dal ritmo incalzante e dalla sequenza infinita, come da scatole cinesi. Età di lettura: da 8 anni.

Harry Potter è ormai celebre: durante il primo anno alla Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts ha sconfitto il terribile Voldemort, vendicando la morte dei suoi genitori e coprendosi di gloria. Ma una spaventosa minaccia incombe sulla scuola: un incantesimo che colpisce i compagni di Harry uno dopo l'altro, e che sembra legato a un antico mistero racchiuso nella tenebrosa Camera dei Segreti. Harry e i suoi amici sfideranno oscure magie e terribili mostri, parleranno con i gufi e viaggeranno in automobili volanti, in un percorso magico dal ritmo incalzante e dalla sequenza infinita, come da scatole cinesi. Età di lettura: da 8 anni.

Harry Potter e la pietra filosofale 
di Rowling J. K.


Harry Potter e la pietra filosofale

“Harry Potter è un predestinato: ha una cicatrice a forma di saetta sulla ...”

Harry Potter è un predestinato: ha una cicatrice a forma di saetta sulla fronte e provoca strani fenomeni, come quello di farsi ricrescere in una notte i capelli inesorabilemte tagliati dai perfidi zii. Ma solo in occasione del suo undicesimo compleanno gli si rivelano la sua natura e il suo destino, e il mondo misterioso cui di diritto appartiene. Un mondo dove regna la magia; un universo popolato da gufi portalettere, scope volanti, caramelle al gusto di cavolini di Bruxelles, ritratti che scappano. Età di lettura: da 8 anni.

Harry Potter è un predestinato: ha una cicatrice a forma di saetta sulla fronte e provoca strani fenomeni, come quello di farsi ricrescere in una notte i capelli inesorabilemte tagliati dai perfidi zii. Ma solo in occasione del suo undicesimo compleanno gli si rivelano la sua natura e il suo destino, e il mondo misterioso cui di diritto appartiene. Un mondo dove regna la magia; un universo popolato da gufi portalettere, scope volanti, caramelle al gusto di cavolini di Bruxelles, ritratti che scappano. Età di lettura: da 8 anni.

J.K. Rowling e Harry Potter: la storia di un successo

Anni Sessanta
"I miei genitori si sono incontrati sul treno che partiva dalla stazione londinese di King's Cross diretto in Scozia. Fu un colpo di fulmine. Quando si sposarono avevano diciannove anni. Io sono nata un anno dopo".

1965, 31 Luglio
Joanne Kathleen Rowling nasce a Chipping Sodbury, nel Gloucestershire, in una famiglia della middle class. Il padre è ingegnere, la madre, metà francese metà scozzese, è una grande lettrice.

1971
A sei anni J.K. Rowling scrive il suo primo libro, la storia di Rabbit, un coniglio che si ammala di morbillo. La famiglia si è trasferita a Bristol. In questo periodo gioca con la sorella minore e i figli dei vicini, i Potter. Tra i loro giochi preferiti, quello di travestirsi da maghi.

1974
I Rowling si trasferiscono a Tutshill, un paesino nel Galles dominato da un castello abbarbicato su una scogliera. J. K. detesta la sua nuova scuola e la sua insegnante, la prof. Morgan, di cui si ritrovano alcune caratteristiche nel personaggio di Severus Piton. "Mi schiaffò zero in matematica, e mi fece sedere in quella che lei considerava la fila dei cretini, all'estrema destra della classe".

1976
A scuola il suo migliore amico si chiama Sean Harris, sarà lui a ispirarle il personaggio di Ron Weasley. J.K. Rowling è una ragazzina timida, piena di lentiggini, porta gli occhiali, è sempre preoccupata di essere la prima della classe, ricorda molto Hermione. Adora C. S. Lewis e Jane Austen, divora i libri ("ero come mia mamma, leggevo tutto quello che mi capitava fra le mani"); riesce molto bene negli studi e viene perfino nominata 'Head Girl', rappresentante degli studenti, un'importante carica nella vita scolastica inglese.

1983
Si iscrive all'università, studia letteratura francese e filologia a Exeter, dove si laurea. 1985 Vive un anno a Parigi, dove insegna inglese.

1987
Lavora per Amnesty International a Londra e, nelle pause del lavoro, comincia a scrivere un romanzo per adulti, seduta ai tavolini di pub e caffè.

1988
Segretaria a Manchester, ma non è tagliata per quel lavoro. "Chiunque abbia lavorato con me può dire che sono la persona più disorganizzata della terra…E non ne vado fiera".

1990
"Harry Potter è comparso per la prima volta durante un viaggio in treno che mi riportava da Manchester alla stazione di King's Cross a Londra dopo aver trascorso un fine settimana alla ricerca di un appartamento. Nella mia mente era un piccolo orfano alla ricerca della sua identità e allievo di una scuola di maghi. Capii immediatamente che scrivere questa storia sarebbe stato un vero piacere. Quella sera quindi, rientrando a casa, cominciai a scrivere su un blocchetto. Ho fatto l'elenco di tutti i romanzi che avrei scritto: dovevano essere sette. Mi ci sono voluti cinque anni per organizzare tutto il materiale e definire l'intreccio di ogni libro. Ho scritto una storia quasi completa di tutti i miei personaggi. Se ci mettessi tutti i particolari, ognuno dei miei libri avrebbe le dimensioni dell'Enciclopedia Britannica!". Lo stesso anno muore sua madre di sclerosi multipla all'età di quarantacinque anni.

1991
Profondamente colpita dalla morte della mamma, J.K.Rowling decide di partire per il Portogallo, per insegnare inglese. A Oporto incontra il futuro marito, un giornalista televisivo. Termina di scrivere i primi tre capitoli della Pietra filosofale.

1993
Nasce la figlia Jessica, nome scelto in omaggio a Jessica Mitford (1917-1996, giornalista e scrittrice, spirito libero, combatte durante la guerra di Spagna a fianco dei partigiani). Il matrimonio non è felice; in dicembre J.K. Rowling si separa dal marito e lascia il Portogallo. Arriva con la bambina e una valigia piena di progetti a Edimburgo, dove abita la sorella. Proprio in quest'epoca il primo ministro inglese, John Major, pronuncia un violento discorso contro le madri single.

1994
Sono anni neri, J.K. Rowling vive in un piccolissimo appartamento. Va avanti grazie al sussidio di disoccupazione e si rifugia spesso nel pub del cognato per finire di scrivere il primo volume. Nel frattempo si prepara a sostenere gli esami per l'abilitazione all'insegnamento.

1995
J.K. Rowling scrive a macchina due esemplari del manoscritto. "Avevo letto che la lunghezza giusta di un libro per ragazzi è di quarantamila parole. Il mio ne aveva novantamila!". Apre le pagine gialle, cerca alla voce 'agenti letterari', spedisce; il primo le restituisce il manoscritto, il secondo, Christopher Little, è scelto per il suo cognome. Christopher Little accetta di occuparsene. Il dattiloscritto è respinto da tre editori importanti.

1996
L'agente lo propone alla casa editrice Bloomsbury che accetta di pubblicarlo.

1997
Febbraio: J.K. Rowling riceve un finanziamento di 8.000 sterline dallo Scottish Arts Council, grazie al quale compra un computer e continua a scrivere. Maggio: la casa editrice Salani acquista i diritti italiani del libro, proposto dall'agente inglese. Luglio: in Inghilterra Bloomsbury pubblica Harry Potter e la pietra filosofale nella collana dei ragazzi. La prima tiratura è inferiore alle cinquemila copie. Il libro ha un successo dovuto quasi esclusivamente al 'passaparola'. Più tardi riceverà cinque premi fra i quali il Nestlé Smarties Book Prize assegnato da una giuria di bambini. In autunno la casa editrice americana Scholastic (Arthur A. Levine Imprint) acquista all'asta i diritti del primo manoscritto "per una somma che nessuno si aspettava" : 100.000 sterline!

1998
Maggio: esce in Italia, con una tiratura iniziale di ventimila copie, Harry Potter e la pietra filosofale. Luglio: Harry Potter e la camera dei segreti esce in Inghilterra e balza immediatamente ai vertici delle classifiche dei bestseller. La notorietà della scrittrice si diffonde in tutto il mondo. Il fenomeno si diffonde anche tra gli adulti. Ottobre: esce la prima edizione americana del primo volume con il titolo Harry Potter and the sorcerer's stone. Dicembre: Harry Potter e la pietra filosofale vince in Italia il Premio Cento, il prestigioso riconoscimento per la letteratura dedicata ai ragazzi. La Warner Bros. acquista i diritti cinematografici del primo volume e di merchandising per circa un milione di dollari.

1999
8 Luglio: esce in Gran Bretagna Harry Potter e il prigioniero di Azkaban. Ottobre: esce in Italia Harry Potter e la camera dei segreti. La rivista americana Time dedica la copertina a Harry Potter. E' la consacrazione. Dilaga la "HarryPottermania" nel mondo. Per la seconda volta viene nominata "Autore dell'anno" dalla English Bookseller Association. "J.K. Rowling è riuscita a superare la barriera che impedisce a un'opera per ragazzi di raggiungere un riconoscimento pari a quello tributato agli autori per adulti" si legge nella motivazione. I primi tre libri occupano i primi tre posti nella lista dei bestseller del New York Times.

2000
Marzo: esce in Italia Harry Potter e il prigioniero di Azkaban. 8 Luglio: esce in Inghilterra e in contemporanea in America il quarto volume, Harry Potter e il calice di fuoco, battendo tutti i record di vendite nella storia dell'editoria mondiale e di attenzione da parte dei media. Settembre: iniziano le riprese del film tratto dal primo volume, regia di Chris Columbus. Natale: la BBC manda in onda per dieci ore consecutive la lettura in diretta della Pietra filosofale. J.K. Rowling figura nella classifica annuale delle celebrità della rivista Forbes, in quinta posizione fra le 100 personalità più influenti dell'anno (Entertainment Weekly) e, al secondo posto tra le donne più ricche d'Inghilterra, dopo la Regina. Riceve due lauree honoris causa dalle università di Exeter e di St. Andrews "per aver contribuito, con i suoi libri, a fare del mondo un posto migliore". La regina d'Inghilterra le conferisce in dicembre la massima onorificenza Ordine dell'Impero britannico "per servizi resi alla letteratura", ma la scrittrice non può recarsi a Londra a causa di un'influenza della figlia. La cerimonia è rimandata al 2 marzo 2001. J. K. Rowling dona una somma enorme all'associazione inglese delle madri single.

2001
J.K. Rowling scrive due libri, Fantastic beasts and where to find them e Quidditch through the ages che saranno pubblicati il 12 marzo in contemporanea in Inghilterra, America e Germania e i cui proventi saranno devoluti a Comic Relief, un'associazione no profit inglese destinata a progetti in favore dei bambini del Terzo Mondo. 16 febbraio: esce in Italia Harry Potter e il calice di fuoco con una tiratura di trecentomila copie, la più alta nella storia della casa editrice Salani, fondata nel 1862. 16 Novembre: esce nelle sale inglesi e americane il film tratto dal primo volume, Harry Potter e la pietra filosofale, e in Italia il 6 dicembre. Un successo in tutti i paesi del mondo. 26 Dicembre: J.K. Rowling sposa in seconde nozze il medico scozzese Neil Murray.

2002
22 febbraio: escono in Italia Il Quidditch attraverso i secoli e Animali fantastici: dove trovarli. Il ricavo viene devoluto a Comic Relief. Novembre: esce il secondo film tratto dalla serie, Harry Potter e la camera dei segreti (regia: Chris Columbus).

2003
23 marzo: nasce il figlio David Gordon. 21 giugno: in Inghilterra e nei Stati Uniti esce il quinto libro della saga: Harry Potter e l’Ordine della Fenice. File interminabili davanti alle librerie di tutto il mondo, da Londra a Hong Kong. Diventa quella stessa notte il libro venduto più velocemente di tutti i tempi. Oramai solo le prime tirature di Harry Potter riescono a battere i record stabiliti dai precedenti volumi di Harry Potter: 10 milioni di copie! Solo negli Stati Uniti vengono trasportate oltre 1000 tonnellate di libri, cinque volte il peso della Statua di Libertà, quantità inaudite per un libro. 31 ottobre: esce in Italia Harry Potter e l’Ordine della Fenice; la prima tiratura rappresenta un nuovo record italiano.

2004
Giugno: esce il film Harry Potter e il prigioniero di Azkaban in contemporanea negli USA e in Europa ed è subito in cima alle classifiche. Luglio: sorprendentemente J.K. Rowling svela sul suo sito internet il titolo del sesto libro: Harry Potter and the Half Blood Prince. Novembre: J.K. Rowling diventa presidente della “One Parent Families”, società con lo scopo di aiutare i genitori single e i loro figli.

2005
25 gennaio: nasce la figlia Mackenzie Jean Giugno: le vendite mondiali della serie hanno superato i 270 milioni di copie; i libri sono tradotti in 62 lingue tra cui lo zulu, il latino e il greco antico e letti in 200 paesi. Tutte le copie messe una a fianco dell’altra coprirebbero una superficie superiore a quella del Brasile. Per fortuna i libri vengono stampati su carta ecologica! 16 luglio: esce nei paesi di lingua inglese il sesto volume della saga, Harry Potter and the Half Blood Prince. Succede l’inimmaginabile: la prima tiratura e le vendite del primo giorno polverizzano i record precedenti! Della tiratura di 13 milioni di copie, solo 24 ore dopo ne sono state vendute 10 milioni, oltre 2 milioni delle quali solo in Inghilterra. The Times scrive: “Ha venduto in un solo giorno più del Codice Da Vinci in un anno”. Novembre: esce il quarto film della serie, Harry Potter e il calice di fuoco, con la regia di Mike Newell, e ancora una volta balza in testa alle classifiche in tutto il mondo.

2006
6 gennaio: Nella notte la Befana porta l’edizione italiana, Harry Potter e il Principe Mezzosangue nelle librerie di tutto il paese. Harry Potter e il Principe Mezzosangue riceve il British Book Awards Book of the Year e il Royal Mail Award for Scottish Children's Books. Giugno: Un sondaggio del Book Magazine proclama J.K. Rowling la più grande scrittrice britannica. Agosto: i fan di Harry Potter arrivano a pagare 1000 dollari il biglietto per assistere alle conferenze tenute da J.K. Rowling (con Stephen King e John Irving) in America. Il ricavato viene devoluto in beneficienza.

2007
Gennaio: cresce l’attesa per il settimo libro, e le congetture sulla trama si moltiplicano, dopo che la scrittrice ne ha annunciato il titolo. Febbraio: J.K. Rowling annuncia la data d’uscita nel mondo anglosassone dell’ultimo libro della saga. 21 luglio: esce nel mondo anglosassone l’ultimo volume della saga di Harry Potter, con il titolo Harry Potter and the Deathly Hallows.
21 dicembre: viene venduta all’asta per l’incredibile cifra di 21,9 milioni di sterline la settima e ultima copia di The Tales of Beedla the Bard.

2008
5 gennaio: l’ultimo, attesissimo volume Harry Potter e i Doni della Morte esce in Italia.

NOTA ALLA TRADUZIONE ITALIANA

LA TRADUZIONE
La traduzione di un libro, normalmente, va dalla prima pagina all’ultima. La traduzione della saga di Harry Potter non ha funzionato così. Non ha potuto: quando è stato tradotto il primo volume, il secondo non era stato ancora scritto e così i successivi. Soltanto al momento di affrontare il settimo, il traduttore ha conosciuto l’opera nella sua interezza. Nella pratica questo ha significato non avere la possibilità di scegliere con la necessaria ponderazione.
L’editore ha così deciso di restituire ai lettori una traduzione che tenesse conto dell’evoluzione della saga, rivedendo, anche profondamente, i libri esistenti.

CHE COSA RESTA E CHE COSA CAMBIA
Rileggendo Harry Potter con il senno di poi, il senno di chi sa dove si annoderà, alla fine, ognuno dei fili che J.K. Rowling ha incominciato a tessere dalla prima pagina del primo volume, il comitato si è trovato di fronte, come nelle fiabe e nei labirinti, tre vie: mantenere la scelta fatta nel tradurre nomi di luoghi e personaggi; ritornare al nome originale o percorrere una terza via scegliendo un nome del tutto nuovo. Alcuni esempi:

Nel caso di Albus Silente è parso subito chiaro che a priori nessuna delle tre strade era di per sé quella giusta. Al momento di scegliere il cognome italiano, che era parso adeguato per un mago bizzarro ma anche solenne e capace di tenere in soggezione i suoi nemici, non si sapeva quello che J.K. Rowling avrebbe poi dichiarato: «Lo immaginavo come un mago benevolo, sempre in movimento, che mormora continuamente tra sé e sé»; dumbledore, in inglese, è il nome arcaico di bumblebee, il calabrone. Altro che ‘Silente’! Eppure, la storia dimostrerà che proprio i silenzi di Albus hanno avuto un ruolo determinante, e anche negativo, nelle avventure di Harry Potter e nella lotta contro la Magia Oscura.

La scelta di ritornare al nome originale di uno dei protagonisti principali della saga è stata fatta nel caso di Minerva McGonagall, la cui almeno apparente severità voleva essere espressa, nell’edizione italiana, dal roccioso adattamento McGrannit.

La terza via è quella che è stata meno frequentata. Quelle poche volte, però, si è rivelata preziosa. È stata percorsa nella scelta del nome delle Quattro case in cui si dividono gli studenti di Hogwarts: i loro nomi italiani seguivano solo in parte i corrispondenti inglesi: aggiungevano, per esempio, indicazioni di colore del tutto assenti nell’originale. Si è così deciso per Grifondoro, Tassofrasso, Corvonero e Serpeverde.

Ogni scelta è stata a lungo ponderata, tormentata, sofferta. La conoscenza dell’intera opera ha richiesto di ritoccare anche il lessico ‘tecnico’ degli incantesimi inventato da J.K. Rowling; la tassonometria delle creature fantastiche (i ‘folletti’ sono tornati a essere i ‘goblin’ come nell’originale); certe usanze, come i nomi e i cognomi che incominciano con la stessa iniziale.

Ogni dettaglio è stato rivisto e considerato con attenzione perché la nuova edizione fosse più vicina allo spirito dell’originale, nel rispetto di quello che è ormai diventato un grande classico dei nostri tempi.

IL CURATORE
Questo compito è stato affidato a Stefano Bartezzaghi, che ha dichiarato:
«Sono stato un appassionato di Harry Potter già dalla prima ora, lo sono stato fino all’ultima pagina. All’inizio sembrava una bellissima storia per ragazzi; alla fine del settimo volume, era un’opera diversa, i cui personaggi erano cresciuti assieme ai loro lettori. Neville Paciock era il nome giusto per il ragazzino pasticcione dell’inizio, non certo per il coraggioso eroe del settimo volume, nonché futuro professore di Erbologia… Fare questi cambiamenti mi è perciò parso come restituire al testo qualcosa che gli era dovuto».

IL COMITATO
Con Bartezzaghi hanno collaborato a stretto contatto l'editor Viola Cagninelli, e un comitato a cui hanno partecipato Marina Astrologo e Beatrice Masini, che hanno tradotto rispettivamente i primi due e gli altri cinque volumi; le due editor che hanno curato i sette volumi per Salani, Serena Daniele e Daniela Gamba; l’ex curatrice del sito di Harry Potter, Maria De Toni; la presidente della Società Nazionale Harry Potter, Laura Faggioli; l'autore dello studio Harry Potter e la filosofia, Simone Regazzoni; il presidente di Salani, Luigi Spagnol e il direttore editoriale, Mariagrazia Mazzitelli.