Salani © 2000 - 2017

Girls don't cry

Jacqueline Wilson

Condividi
Girls don't cry
Dettagli
Collana
FUORI COLLANA
Genere
Ragazzi
Ean
9788862560665
Formato
Brossura
8,50 €

Si può piangere per migliaia di motivi - per la morte del proprio criceto, come succede a Magda - o per un amore virtuale conosciuto in chat, come capita a Nadine - e puoi piangere anche solo per la felicità o per l'imbarazzo, o magari perché le tue migliori amiche ti chiamano "grassa"... Ma se, come Ellie, stai per essere doppiamente tradita nel più meschino dei modi dalle due persone di cui più ti fidi al mondo, allora si aprono le cascate del Niagara, e le lacrime non sembrano mai abbastanza. Le inseparabili Tre Ragazze Tre questa volta corrono il serio rischio di diventare separabili... Riusciranno a mantenere salda e incrollabile la loro amicizia che sembra ormai a rischio? Età di lettura: da 11 anni.

Dettagli
Collana
FUORI COLLANA
Genere
Ragazzi
Ean
9788862560665
Formato
Brossura
8,50 €
Condividi
Altre edizioni
Girls don't cry
Formato
Brossura
Prezzo
11,00 €

Dello stesso autore

Fotocoppia

Fotocoppia

Jacqueline Wilson

I lati positivi di essere gemelle? Tutti. I lati negativi di essere gemelle? Nessuno. Così risponde Ruby, la gemella dominante. "Lei è la più grande, la più brillante, la migliore, lei è la stella. È un peccato che sia frenata da me", così pensa di ...

Continua a leggere
Bambina affitasi

Bambina affitasi

Jacqueline Wilson

Che genere di diario può scrivere una bambina che passa da una famiglia all'altra, senza che nessuno si decida ad adottarla? Una bambina che sa di essere un caso difficile? Eppure il diario di Tracy Beaker risulta vitale, fantasioso e appassionato. C'è autocritica, ironia, distacco, ...

Continua a leggere
Facciamo che ero Lotti

Facciamo che ero Lotti

Jacqueline Wilson

Charlotte, detta Charlie, ha avuto come compito scolastico una ricerca sui costumi dell'epoca vittoriana ai tempi della Regina Vittoria d'Inghilterra, e l'ha risolta scrivendo il diario di una ragazzina come lei, Lotti, che affronta i suoi medesimi problemi, ma centocinquant'anni fa: stessa storia, anzi completamente diversa.

Continua a leggere