Salani © 2000 - 2017

Heike riprende a respirare

Helga Schneider

Condividi
Heike riprende a respirare
Dettagli
Collana
FUORI COLLANA
Genere
Ragazzi
Ean
9788884518897
Formato
Brossura
10,00 € Acquista

Berlino, 1945. Heike, dieci anni, vive con la madre nello scantinato della loro casa distrutta dalle bombe. Il padre è disperso, ma Heike sa che tornerà: non smette di parlarne al suo più grande amico e confidente, il grande melo che cresce nel giardino. Attorno, rovine: rovine di edifici, e rovine nelle menti e nei cuori delle persone. Tante però sembrano voler tener viva la speranza nel futuro... Non la mamma di Heike: nel suo recentissimo passato c'è una ferita inguaribile. La storia personale di una ragazzina si mescola con la storia con la S maiuscola. Alla fine di una guerra non ci sono solo le cose da ricostruire, ma anche le vite e le persone. Dopo "Stelle di cannella" e "L'albero di Goethe", Helga Schneider riapre per il pubblico dei ragazzi le pagine del suo personale passato per raccontarlo, commuovere e far pensare: e stavolta lo fa ritornando al tema del suo primo libro, "II rogo di Berlino", e alla dimensione collettiva della tragedia di cui è stata testimone. Una storia delicata, in punta di piedi di bambina, per raccontare una verità cattiva: nessuno sopravvive alla guerra, neppure i vivi. Età di lettura: da 12 anni.

Dettagli
Collana
FUORI COLLANA
Genere
Ragazzi
Ean
9788884518897
Formato
Brossura
10,00 € Acquista
Condividi

Dello stesso autore

Stelle di cannella

Stelle di cannella

Helga Schneider

l'inverno del 1932. A Wilmersdorf, un tranquillo e benestante quartiere di una città tedesca, il periodo natalizio è annunciato dalle grida gioiose dei bambini che giocano a palle di neve. Fra le famiglie che abitano tre case, i rapporti superano quelli del buon vicinato: David, ...

Continua a leggere
I miei vent'anni

I miei vent'anni

Helga Schneider

Negli anni del dopoguerra la giovane Helga Schneider cerca il suo posto nel mondo. E' andata via dalla casa di suo padre e viaggia per l'Europa, guidata da una sola certezza: la vita che l'aspetta sarà sempre comunque migliore di quella che ha lasciato. ...

Continua a leggere
La baracca dei tristi piaceri

La baracca dei tristi piaceri

Helga Schneider

"Stava lì, l'aguzzina delle SS, capelli biondi e curati, il rossetto sulla bocca dura, l'uniforme impeccabile? Stava lì e pronunciò con sordida cattiveria: ?Ho letto sulla tua scheda che eri la puttana di un ebreo. È meglio che ti rassegni: d'ora in poi farai la ...

Continua a leggere