Salani © 2000 - 2017

Il digiunatore

Enzo Fileno Carabba

Condividi
Il digiunatore
Dettagli
Collana
AUDIOLIBRI LIQUIDI
Genere
Narrativa generale, Storia
Ean
9788831014397
Pagine
256

Nato a metà Ottocento a Cesenatico Ponente, terra di mangiatori, Giovanni Succi si impone sulla scena del mondo come il più grande digiunatore di tutti i tempi. C’è qualcosa in lui di invulnerabile, che non si arrende neanche all’evidenza. Qualcosa che ha imparato ancora bambino dalle carovane dei circhi, quando scendevano dal Paradiso Terrestre verso la pianura romagnola. Alla saggezza errante dei saltimbanchi, Giovanni deve la sua gioia e la sua salvezza, l’urgenza di diventare quello che è: uno spirito sensibile, un leone indomabile, un profeta immortale. Guidato dall’utopia del socialismo e dal battito del suo cuore, veleggia libero come un elisir attraverso deserti e savane, cespugli e radure, nuvole e gabbie, e mette il suo digiuno al servizio dell’umanità. Coltivando in sé la sorgente di una speranza illimitata – riflessa in donne dai nomi armoniosi quali Ginevra, Gigliola, Guerranda –, segue il suo respiro per il mondo, dal Canale di Suez al manicomio della Lungara, dalle strade del Cairo e di Milano alle corsie della Salpêtrière. Incontra donne-belve e grandi esploratori, Sigmund Freud e Buffalo Bill, mentre l’Occidente sfocia nella modernità e perde per sempre l’innocenza. In questa biografia sentimentale, Carabba parte da una storia vera per trasfigurarla in un grande romanzo, che ci svela il valore del dubbio, le acrobazie dell’entusiasmo, la fierezza della semplicità. Perché è proprio lì, sul confine tra il pieno e il vuoto, dove la nebbia personale si dissolve nell’incontro con gli altri, che si nasconde la promessa dell’eternità.

Dettagli
Collana
AUDIOLIBRI LIQUIDI
Genere
Narrativa generale, Storia
Ean
9788831014397
Pagine
256
Sito web
Condividi

Dello stesso autore

Fuga da Magopoli

Fuga da Magopoli

Enzo Fileno Carabba

Agostino, Igor e Lu sono tre bambini che non si bevono tutto quello che dicono gli adulti. Sospettano infatti che la magia sia tutta una montatura. Meno male che ci sono i nonni di Agostino, gli unici ancora sani in un mondo dove tutti credono ...

Continua a leggere