Salani © 2000 - 2017

Gli atroci aztechi

Terry Deary

Condividi
Gli atroci aztechi
Dettagli
Collana
BRUTTE STORIE
Genere
Ragazzi
Ean
9788877826916
Pagine
128
Formato
Brossura
7,50 € Acquista

Questo libro non trascura nessun atroce fatto a proposito di Montezuma, Cuauhtemoc e altra gente con nomi impronunciabili, gente per cui il massimo del divertimento era tenere in mano un cuore umano ancora caldo e palpitante. Vi piacerebbe sapere perché gli aztechi mangiavano rospi, cactus, lucertole, formiche, cani e schiuma di lago? Quando verrà la fine del mondo? Come si fa a giocare a palla in un modo veramente violento? Leggerete di sacrifici umani, di anestesie a base di cenere di iguana e di come sposarvi con una originale cerimonia azteca. Scoprirete tutto quello che c'è da sapere su potenti sacerdoti, bizzarri guerrieri e astuti conquistadores, che si comportano in modo ancora più atroce degli aztechi. Età di lettura: da 10 anni.

Dettagli
Collana
BRUTTE STORIE
Genere
Ragazzi
Ean
9788877826916
Pagine
128
Formato
Brossura
7,50 € Acquista
Condividi

Dello stesso autore

I rovinosi romani

I rovinosi romani

Terry Deary

I rovinosi romani vi rivela la vergognosa verità celata dietro al più imponente impero di tutti i tempi, dalla ributtante repubblica agli empi imperatori che trasformarono l'omicidio in un simpatico sport. Volete sapere: Quale imperatore amava mangiare garretti di cammello? Come mai una mucca sul ...

Continua a leggere
Sadici sassoni

Sadici sassoni

Terry Deary

Sadici sassoni racconta tutta la vergognosa verità sul pericoloso popolo che batté i britanni ma fu neutralizzato dai nefandi normanni. Volete capire perché indossare un maiale sulla testa portava fortuna? O come rallegrare un normanno defunto? Scoprirete i fetidi fatti su re tagliagola, maledette malattie ...

Continua a leggere
Callosi cavalieri e mefitici manieri

Callosi cavalieri e mefitici manieri

Terry Deary

Il libro trasporta i giovani lettori nel passato, ai giorni della cavalleria, quando i prodi paladini galoppavano e sferragliavano nelle loro splendenti armature brandendo pesanti spade, mentre ai contadini toccava ripulire i rivoltanti resti dopo le battaglie e tutti vivevano in oscure, orribili, desolanti dimore. ...

Continua a leggere