Salani © 2000 - 2017

Non c'è campo

Anne Fine

Condividi
Non c'è campo
Dettagli
Collana
FUORI COLLANA
Genere
Letteratura, Ragazzi
Ean
9788884519559
Pagine
186
Formato
Brossura

Quando telefonano alla madre di Stol per avvertirla dell'incidente accaduto a suo figlio, lei - eccentrica stilista in Nicaragua per un servizio fotografico - risulta irraggiungibile. Il cellulare non prende, non c'è campo. Ma non c'è mai stato "campo" fra Stol e la sua famiglia. Questo vuoto di comunicazione spinge Stol a osare azioni temerarie, a perdere il senso del limite. Eppure Stol ha una personalità straordinariamente creativa, anticonvenzionale, polemica, capace di grandi felicità e illusioni, come ci appare nel racconto che il suo amico Ian scrive su di lui. Ian, riflessivo di natura, possiede la forza e la chiarezza della propria normalità; ricostruendo la vita di Stol, cerca di offrigli uno specchio veritiero in cui imparare a conoscere se stesso, ad aprire il "campo" tra la mente e il corpo. E insieme ad attivare un rapporto con gli altri e a non aver paura della libertà di parola, di pensiero, di immaginazione. Età di lettura: da 12 anni.

Dettagli
Collana
FUORI COLLANA
Genere
Letteratura, Ragazzi
Ean
9788884519559
Pagine
186
Formato
Brossura
Sito web
Condividi
Altre edizioni
Non c'è campo
Formato
Brossura
Prezzo
11,00 €

Dello stesso autore

Quell'arpia di mia sorella

Quell'arpia di mia sorella

Anne Fine

Casa nostra è un campo di battaglia, in un certo senso. O almeno è quello che dice la mamma. Lei sostiene che da quando Estelle si è trasformata da un giorno all'altro in una strega urlante, casa nostra è diventata l'inferno in terra. A volte ...

Continua a leggere
Qualcosa in comune

Qualcosa in comune

Anne Fine

Durante una gita scolastica cinque compagni di classe vengono mandati a dormire nella casa di Old Harwick. Durante la notte scoprono di avere qualcosa in comune: sono tutti figli di genitori separati, perciò passano la notte a raccontarsi le loro storie. Scoprono che nella casa ...

Continua a leggere
Più si è, meglio è

Più si è, meglio è

Anne Fine

Le mega-adunate di famiglia arrivano una sola volta l'anno? Meno male! Ospitare uno sciame di parenti incontenibili e completamente diversi tra loro per età, vedute, nevrosi e resistenza agli (innumerevoli) incidenti domestici sembra possibile solo a Natale, quando si dovrebbe essere tutti più buoni... ma ...

Continua a leggere