Salani © 2000 - 2017

L'ostile ospedale

Lemony Snicket

Condividi
L'ostile ospedale
Dettagli
Collana
UNA SERIE DI SFORTUNATI EVENTI
Genere
Ragazzi
Ean
9788884513250
Pagine
224
Formato
Brossura

Se state per gettare via questo libro e scappare il più lontano possibile, vuol dire che lo sapete già: questo volume descrive in ogni dettaglio la penosa permanenza dei fratelli Baudelaire allo Heimlich Hospital. Ci sono tante storie piacevoli da leggere, ma questa non lo è. Contiene particolari davvero pesanti, come un negoziante sospettoso, operazioni chirurgiche non necessarie, un sistema di interfono, anestesie, palloncini a forma di cuore, e alcune notizie davvero sbalorditive su un certo incendio. Chiaramente voi non avete alcuna intenzione di leggere roba simile. Ho giurato di fare accurate ricerche su questa vicenda e di scriverla meglio che posso. Età di lettura: da 9 anni.

Dettagli
Collana
UNA SERIE DI SFORTUNATI EVENTI
Genere
Ragazzi
Ean
9788884513250
Pagine
224
Formato
Brossura
Sito web
Condividi

Dello stesso autore

Un infausto inizio

Un infausto inizio

Lemony Snicket

In questo primo tremendo episodio i tre fratelli diventano subito tre orfani, incontrano l'individuo più viscido e malvagio del mondo, rischiano di perdere tutta l'eredità e sono guardati a vista da un uomo con due uncini al posto delle mani. Siete sicuri di volerlo leggere?

Continua a leggere
L'atroce accademia

L'atroce accademia

Lemony Snicket

Violet, Klaus e Sunny Baudelaire sono ragazzi intelligenti e pieni di risorse, e probabilmente vi aspettate che vadano molto bene a scuola. Sbagliato. Per i Baudelaire la scuola si rivela essere un altro sfortunato evento nelle loro vite già abbastanza infelici. Non posso tacerlo, nei ...

Continua a leggere
L'ascensore ansiogeno

L'ascensore ansiogeno

Lemony Snicket

Nella classifica di tutte le persone infelici al mondo, e di certo sapete che ce ne sono un bel po’, i fratelli Baudelaire occupano il primo posto, vale a dire che a loro capitano più cose orribili che a chiunque altro. Ma chi sono questi sfortunati?

Continua a leggere