Salani © 2000 - 2017

Morte a Firenze

Marco Vichi

Condividi
Morte a Firenze
Dettagli
Collana
AUDIOLIBRI
Genere
Narrativa generale, Gialli e mystery, Audiolibri
Ean
9788862562553

Firenze, ottobre 1966. Non fa che piovere. Un bambino scompare nel nulla e per lui si teme il peggio, forse un delitto atroce. Il commissario Bordelli indaga disperatamente, e durante le indagini arriva l'alluvione... La notte del 4 novembre l'Arno cresce, si ingrossa, va a lambire gli archi di Ponte Vecchio, supera gli argini e la città è travolta dalla furia delle acque. Le vie diventano torrenti impetuosi, la corrente trascina automobili, sfonda portoni e saracinesche, riversando nelle strade cadaveri di animali, alberi, mobili e detriti di ogni genere. Mentre la città è alle prese con quella inaspettata e inimmaginabile tragedia, il delitto sembra destinato a rimanere impunito, ma la tenacia di Bordelli non vien meno... Un audiolibro della durata di un'ora e diciannove minuti, letto da Lorenzo Degl'Innocenti.

Dettagli
Collana
AUDIOLIBRI
Genere
Narrativa generale, Gialli e mystery, Audiolibri
Ean
9788862562553
Sito web
Condividi
Altre edizioni
Morte a Firenze
Prezzo
9,99 €

Dello stesso autore

Perché dollari?

Perché dollari?

Marco Vichi

1957, un novembre più malinconico del solito: il commissario Bordelli, la testa piena di immagini di donne amate e perdute, deve affrontare il suo caso più singolare e sorprendente. Più che un’indagine, un’avventura ai limiti della legalità. Una lettera anonima lo attira sulle colline intorno ...

Continua a leggere
La forza del destino

La forza del destino

Marco Vichi

È la primavera del 1967. L’alluvione di novembre, con il suo strascico di tragedie e di detriti, sembra essersi placata e Firenze comincia di nuovo a respirare. Ma non il commissario Bordelli. Per lui non c’è pace dopo un fatto che gli è successo. Indagando ...

Continua a leggere
Ragazze smarrite

Ragazze smarrite

Marco Vichi

Firenze, marzo 1970. Al commissario Bordelli manca poco più di una settimana alla pensione, e ancora non riesce a immaginare come si sentirà. Si augura che in questi giorni non avvengano altri omicidi: non vuole rischiare di lasciarsi alle spalle un mistero non risolto, ma ...

Continua a leggere