Salani © 2000 - 2017

Il ragazzo che fu Carlo Magno

Teresa Buongiorno

Condividi
Il ragazzo che fu Carlo Magno
Dettagli
Collana
TITOLI PER ADULTI
Genere
Ragazzi
Ean
9788884511454
Pagine
224
Formato
Cartonato con sovraccoperta

Di Carlomagno ricordiamo tutti l'incorazione in San Pietro, nella notte di Natale dell'Ottocento, l'imboscata di Roncisvalle, la fondazione del Sacro Romano Impero. Ma cosa sappiamo della sua infanzia? Le biografie ufficiali affermano che ebbe un'infanzia assolutamente normale. Altre fanno intravedere le leggende che ai suoi tempi correvano di bocca in bocca. Altre narrano delle vicende della sua fanciullezza che ricordano quelle raminghe di Artù alla corte di Aquitania. Teresa Buongiorno ricostruisce tutte queste avventure piene di leggenda e di tradizione storica.

Dettagli
Collana
TITOLI PER ADULTI
Genere
Ragazzi
Ean
9788884511454
Pagine
224
Formato
Cartonato con sovraccoperta
Sito web
Condividi
Altre edizioni
Il ragazzo che fu Carlomagno
Formato
Brossura
Prezzo
9,50 €
Il ragazzo che fu Carlomagno
Formato
Brossura
Prezzo
9,00 €

Dello stesso autore

Olympos

Olympos

Teresa Buongiorno

Per procurarsi l'eterna giovinezza, il dottor Faust vendette l.anima al diavolo. Ebe, figlia di Zeus, ritiene invece che l'eterna giovinezza sia un pesante fardello, e invidia i suoi fratelli che diventano grandi, mentre lei sembra condannata a restare adolescente per sempre. Nell'Olimpo leggendario, dove le ...

Continua a leggere
Camelot

Camelot

Teresa Buongiorno

Molte voci corrono attorno alla Tavola Rotonda del Castello di Camelot: un antico manoscritto passato di mano in mano le riporta districandosi tra mito e storia, leggende e ideali. Nell'antica Britannia, non ancora conquistata dal cristianesimo, dove i druidi conservavano il sapere nella mente, vissero ...

Continua a leggere
Vacanze pericolose

Vacanze pericolose

Teresa Buongiorno

UNA DELLE AUTRICI ITALIANE PIÙ AMATE IL ROMANZO DI FORMAZIONE DI UNA RAGAZZA DEGLI ANNI CINQUANTA CHE PARLA AI GIOVANI LETTORI DI OGGI «Capimmo in quel momento che la Francia era il regno della trasgressione, dei diritti infiniti, della libertà d’essere se stessi, ...

Continua a leggere