Salani © 2000 - 2017

Il libro delle storie di fantasmi

Roald Dahl

Condividi
Il libro delle storie di fantasmi
Dettagli
Collana
FUORI COLLANA
Genere
Ragazzi
Ean
9788884511157
Pagine
272
Formato
Cartonato con sovraccoperta
14,00 € Acquista

Elusivi e imprevedibili appaiono i fantasmi tratteggiati in questi racconti. Per Mary Treadgold sono uno squillo del telefono, per Rosemary Timperley un bagliore di capelli rossi in un cespuglio di rose bianche, per Cynthia Asquith una vecchia voce polverosa tra le cianfrusaglie di un negozio e una mano che striscia carezzevole sui vetri per Sheridan Le Fanu. Ma forse la verità è rivelata da Hartley: siamo noi stessi a creare i fantasmi che ci perseguitano.

Dettagli
Collana
FUORI COLLANA
Genere
Ragazzi
Ean
9788884511157
Pagine
272
Formato
Cartonato con sovraccoperta
14,00 € Acquista
Condividi
Altre edizioni
IL LIBRO DELLE STORIE DEI FANTASMI
Formato
Cartonato con plancia incollata
Prezzo
12,90 €
Il libro delle storie di fantasmi
Formato
Brossura
Prezzo
9,90 €

Dello stesso autore

In solitario

In solitario

Roald Dahl

Nella seconda parte del percorso autobiografico cominciato con "Boy", troviamo Dahl ardito pilota, sempre pronto a cogliere i lati curiosi dell'esistenza, dei personaggi, delle situazioni. Passa dinoccolato tra un'esplosione e un'altra, da una missione pericolosa a un'altra, senza retorica, senza odio. Durante tutto questo periodo, ...

Continua a leggere
Un gioco da ragazzi e altre storie

Un gioco da ragazzi e altre storie

Roald Dahl

Nella biografia di Roald Dahl che ha accompagnato i suoi indimenticabili romanzi negl’Istrici si dice: «Roald Dahl era altissimo, quasi un gigante: i suoi genitori venivano dalla Norvegia, la patria dei giganti e degli gnomi». E in effetti Dahl era gigantesco ...

Continua a leggere
IO, LA GIRAFFA E IL PELLICANO

IO, LA GIRAFFA E IL PELLICANO

Roald Dahl

«Noi ti laviamo la finestra finché non viene tutta lustra e brilla come il mare da lontano! Siamo veloci ed educati veniamo appena siam chiamati, io, la Giraffa e il Pellicano!» ...

Continua a leggere